E-mail: adriana.ostuni.7@gmail.com · Seguimi sui social:
Seguimi: E-mail

Versi in Libertà


Poesia è per me quell’attimo magico in cui il mondo esteriore incontra quello interiore, generando emozioni, stati d’animo, sentimenti, intuizioni: una fusione perfetta.

Fulgore

Che sia a una spanna dal cielo
o a portata di mano
lascia che la bellezza ti avviluppi
in un abbraccio sconvolgente.


#14febbraio2021

L’amore
non ama le mezze misure.
È certezza profonda
nell’instabilità
crescendo costante
di complicità.
È comprensione
è piena adesione
costruzione
sincera passione.
È espansione.
Fiducia che infonde
serenità.
Sono tutt’altro
i sentimenti a metà:
come pallidi raggi di sole
non danno calore.
Lanterne fioche
lontane anni luce.
Parole spente
dipinti sbiaditi
musica muta
di tutt’altra entità…


Assolo

Come fiore di campo in un campo.
Come matita bianca su foglio bianco.
Come unica nota. Unico verso.
Come solo soggetto in un vivido scatto.
Come fiamma di una candela.
Fiamma tremula ma accesa.
Luce che brilla di propria luce.
Barlume soffuso ma che scalda




L’augurio è…

L’augurio è:
inseguire i sogni.
Crederci per realizzarli.
Avere tempo
per gli affetti
per le cose che contano
per apprezzare il valore
dei gesti
dei sorrisi sinceri.
L’augurio è:
rivalutare l’essenziale
per tornare a respirare
la luce di un’alba
per assaporare la vista un fiore.
L’augurio è:
seminare amore dentro di sé
e dove si deve.
Lasciare andare
ciò che fa stare male.
L’augurio è:
resistere all’indifferenza
allo sconforto
ai naufragi
alle avversità della nostra epoca.
L’augurio è:
allargare gli orizzonti
accumulare progetti
passioni
entusiasmi contagiosi.
L’augurio è:
coltivare speranza
sfoderare coraggio
per cambiare quando serve.
Nutrire fiducia in se stessi
e negli altri.
L’augurio è:
sorridere alla vita che rinasce.
Essere disponibili
ad accogliere la felicità…


Questo Natale

Ha l’aspetto dei passi felpati
questo Natale
Non è fatto
come un tempo
di atmosfere alacri
di abbracci e di gesti cordiali.
È contenuto e mesto
malinconicamente sommesso
accovacciato
ripiegato su se stesso.
Sull’albero
le luci intermittenti
rimandano fioche
il sussurro dei ricordi
delle tavole imbandite
degli sguardi complici
delle allegre risate.
Ora è il silenzio che prevale.
Siderale.
E i pensieri vagano
lievemente dolenti.
Ma se tutto intorno tace
il cuore attende.
Fiducioso.
Lui sa che presto
come un taglio
che non fa più male
tutto svanirà.
E malgrado tutto
anche quest’anno
sarà pur sempre Natale.


A volte il Natale

La mia poesia “A volte il Natale”, inserita nella mia silloge, “Clessidra”, Wip Edizioni, seconda classificata per la sez. poesia edita al Premio “Canti di Natale”, edizione 2020, a cura del Teatro Abeliano. Grazie alla Giuria, al Direttore artistico, Vito Signorile, agli organizzatori del Concorso letterario
A volte il Natale
è velato di nostalgia.
Per tutto ciò che è stato
porta con sé la traccia
delle parole non pronunciate
dei gesti trattenuti
delle occasioni mancate
delle speranze irrealizzate.
Tra il brillio di luci
che tinteggiano le strade
e il teatro dei sorrisi ovattati
il cuore osserva
spettatore muto dell’incompiuto.


True love

Io avrò cura di te
tu di me.
Con dolcezza
lenirò le tue lesioni
tu le mie.
Coltiverò il tuo orto
tu il mio.
E insieme
germoglieremo


In transito

Ha senso
il tempo sfaldato di questi giorni
se ora, in punta di matita,
tratteggio i ricordi con le parole.
E trascrivo il futuro
riempiendo la pagina bianca
di segni aggrovigliati col passato.
Per cercare di rinascere in transito
sfidando le onde che corrodono il cuore