E-mail: adriana.ostuni.7@gmail.com · Seguimi sui social:
Seguimi: E-mail

Versi in Libertà


Poesia è per me quell’attimo magico in cui il mondo esteriore incontra quello interiore, generando emozioni, stati d’animo, sentimenti, intuizioni: una fusione perfetta.

Autunno

In controluce
si spegne l’estate.
Fermenti, colori,
languori e umori nuovi
intingono l’aria
di effluvi d’autunno.


Explicit

Explicit

Foglie
di fine estate:
spire
di vento
accartocciano
il tempo
delle consunzioni.




Lavorio

Tutto un lavorio.
Ressa di pensieri
manovre contrapposte.
Retromarce.
Avanzamenti.
Brusche frenate
Sospensioni.
Accelerazioni…
Cambi di marcia
di rotte. Rinvii.
Rettilinei.
Tratti in salita
(a contemplare le stelle…)
In discesa
(lungo il ciglio dei burroni…)
Imprevisti. Inversioni.
Esitazioni.
Soste.
Infrazioni.
Evoluzioni.
Fino ai bivi… fino ai bivi…


L’essenziale

Fermarsi.
Ascoltare le risonanze del silenzio
percepire il rintocco del presente
sentire il battito delle cose.
Adeguarsi a se stessi
agli inevitabili cambiamenti.
Togliere il superfluo.
E riprendere a camminare
a piccoli passi
verso l’essenziale
abbandonando lo stretto sentiero
delle abitudini.
Lasciando andare ciò che non serve più.


Involucri

Nascondo
dentro involucri
aneliti ed affanni:
emozioni contrapposte
sottili come carta
che tratteggiano sul volto
segni ben celati nell’attesa.



Preludio

Tra dolci selciati di sole
canta nel vento
l’aria d’estate
ancora incerta
frugale come un frutto acerbo
e ride in attesa
di giorni di luce
fragranti di verdi speranze


L’insondabile

Vagano nuvole inquiete
agitate dal vento.
Attraversano
un tempo impalpabile
incerto. Insondabile.
La voce dei giorni a venire
annega nel solco dell’orizzonte.
Tra vaghi sussurri
di sogni sospesi e parole smarrite
continuo a inseguire
spiragli imbevuti di luce.