E-mail: adriana.ostuni.7@gmail.com · Seguimi sui social:
Seguimi: E-mail

Libri


Kristiani – miele ti è mancato

La mia recensione alla raccolta di poesie di Salvatore Griffini La raccolta di poesie “Kristiani, miele ti è mancato”, di Salvatore Griffini, (Campanotto Editore, pagg. 75), è il profondo resoconto in versi di un’esperienza missionaria particolarmente coinvolgente, culminata in un incontro speciale tra lo stesso autore e un bambino dotato di singolare intelligenza e sensibilità. […]


Pioggia da “Apollo nel Caos”

Quella sera piovve a dirotto. Goccioloni d’acqua ruscellante battevano contro le finestre di casa, picchiettando sui vetri come polpastrelli, mentre il vento sibilava vicino agli stipiti, facendo tremare le imposte, insinuandosi nelle stanze con i suoi spifferi sottili e taglienti. Pioveva su tutta Napoli, sui palazzi, nei giardini, per le strade quasi deserte e le […]


Un breve passaggio da “Apollo nel caos”

“Tra la passione e l’ossessione esiste una linea sottile al di là della quale si apre un tortuoso sentiero di spine. I comportamenti eccessivi, se non fermati in tempo, se non disciplinati a dovere, tendono purtroppo a recidivare, al pari di certe malattie non ben curate, e a riproporsi con una ripetitività tale da apparire […]


Napoli in “Apollo nel caos”

Napoli è una città unica e basta anche una fugace incursione nei suoi meravigliosi vicoli a destare emozioni che toccano le corde del cuore. Le dedico un piccolo tributo, pubblicando un frammento tratto dal mio libro d’esordio, “Apollo nel caos” “Napoli è così: fuori dagli schemi. Per questo non è semplice spiegarne la bellezza. È […]


A proposito di “Clessidra”

“Clessidra” (Wip Edizioni, 2020, collana Spazio-Tempo a cura di Alessandro Lattarulo), è il titolo della mia seconda raccolta di poesie, dopo “Passaggi”: una silloge di 55 componimenti, corredata di materiale iconografico (chine su carta) a cura dell’artista Fedele Eugenio Boffoli. Le poesie in essa contenute rappresentano un auspicio a vivere la vita con pienezza, accogliendo […]


Un passaggio quasi primaverile da “Le verità apparenti”

Un passaggio “quasi primaverile” da “Le verità apparenti” La primavera occhieggiava, insinuandosi con grazia oltre la linea di frontiera delle ultime giornate invernali… Mabili fermò l’auto sul ciglio del viottolo sterrato, sotto le fronde di un ulivo secolare; e lì scendemmo, montammo sulle bici iniziando a pedalare affiancati l’uno all’altra lungo il margine del sentiero, […]


Uno stralcio da “Apollo nel Caos”

Guardavo mia madre e guardavo Flavia, notando il modo in cui loro si guardavano, senza riuscire a rintracciare qualcosa di rassicurante nei loro sguardi. A momenti sembrava perfino che si stessero studiando e misurando, come fanno due avversari prima di affrontare un match.

Conoscendo mia madre, intuivo il suo stato d’animo dal tono di voce, dai gesti fin troppo controllati, dagli sguardi sfuggenti, persino da quelle piccole involontarie contrazioni delle palpebre.


Un passaggio da “Apollo nel Caos”

Guardai dalla finestra: fuori era ancora buio, la città addormentata nel sonno benefico che precede l’alba. Solo più tardi si sarebbe risvegliata per riprendere la sua corsa ansimante e frettolosa, sotto la spinta dei desideri, delle speranze, delle illusioni, in quel perenne moto ciclico che sembra dare un senso alla vita di ogni giorno. Il […]


A proposito di business delle case-famiglia…

Sulla scia del filone d’inchiesta “Angeli e demoni” che vede i bambini di Bibbiano vittime di inauditi casi di violenze e abusi, pubblico oggi un breve brano tratto da “Le verità apparenti” sul tema dell’esecrabile business di quelle case famiglia che lucrano, contendendosi i bambini come “merce” preziosa Con sgomento provai ancora una volta a […]


Giornata mondiale del rifugiato 2019

Per la Giornata Mondiale del Rifugiato 2019, un breve brano tratto dal mio libro “Le verità apparenti” Il suo, mi disse, era stato un viaggio lento, costosissimo, pericoloso, fatto di tappe, attese e respingimenti, di estenuanti ore nei camion sotto il sole del deserto, ammassata ad altra gente, senza nessuna copertura, con la paura costante […]